lunedì 15 ottobre 2012

Gli indimenticabili [4]

 

Bentornati alla Locanda dei Libri per il consueto appuntamento mensile con la rubrica "Gli indimenticabili", presa in prestito dal blog Romanticamente Fantasy.
Pubblicherò questa rubrica il giorno 15 di ogni mese, proponendo un libro che mi è rimasto nel cuore, un libro che quando lo guardo riesce sempre a strapparmi un sorriso o un pensiero importante. Un libro che secondo me nessuno, per un motivo o per l'altro, dovrebbe dimenticare... insomma, un "must"!

Per questo quarto appuntamento ho scelto...



TRAMA

Questa tragedia, tra le più belle di Shakespeare, non soltanto costituisce una vetta altissima della vasta produzione del drammaturgo inglese, ma è entrata ormai a far parte del nostro patrimonio letterario e culturale. Tradotta e rappresentata ovunque, fonte di ispirazione per scrittori, cineasti e autori di teatro, è divenuta il simbolo per eccellenza di una concezione totale, assoluta e profondamente romantica dell’amore che si oppone coraggiosamente ma invano agli ostacoli sociali e culturali e assurge a unico, vero motivo di vita e di morte. Così intenso fu infatti il sentimento che tenne unite le sorti di Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti, due delle creature shakespeariane più celebri, sfortunatamente appartenenti a due famiglie divise da antica inimicizia e destinate pertanto a tragica fine.


Come forse ho già detto in altre occasioni, questo è stato uno dei primi libri che mi hanno strasportato nel magico mondo della lettura!
Romeo e Giulietta... la storia d'amore più tormentata di tutti i tempi, vista e rivista sul grande schermo e in teatro... amore, passione, pozioni e veleni, duelli di spade, inganni e morte.
Questa tragedia è un'emozione unica! 
Insomma... secondo me questa è una storia senza tempo, che si è guadagnata a buon diritto un posto d'onore fra "Gli indimenticabili".

Ed ora vi lascio alle intramontabili parole di mastro Shakespeare... che si alzi il sipario!!!


Prologo

Due casate, di pari nobiltà, in questa bella Verona - dove noi poniamo la nostra scena - per antichi rancori ora prorompono a nuove risse da cui mani fraterne escono sporche di sangue fraterno.
Per i lombi fatali di quei due nemici a morte discende una coppia di amanti nati a cattiva stella, che tra molte disavventure e casi miserandi si porteranno con sé - venuti a morte - l'odio funesto delle loro due famiglie.
La vicenda terribile di questo amore segnato dalla morte e il tenace rancore dei loro parenti, che nulla potrà estinguere se non la morte di questi figli, sarà l'oggetto del nostro armeggiare, oggi, su queste scene: e se vorrete voi prestare attento orecchio, noi potremo ingegnarci di rimediare, col nostro zelo alle manchevolezze.

 
 Non dimenticate di farmi sapere il vostro parere ;-)

15 commenti:

  1. Mi dispiace, ma questa volta non siamo d'accordo su un libro xD No, allora, io ho amato Romeo e Giulietta sin da bambina. Andavo forse una volta all'anno a Verona e tutte le volta mia mamma mi raccontava la storia di questi due innamorati. La adoravo! Crescendo l'ho vista in tutte le salse: in tv, sui libri di scuola, ma mai avevo avuto l'occasione di leggere la tragedia scritta da Shakespeare. Insomma, ho conosciuto la storia per filo e per segno solo tramite parole altrui. Quando qualche anno fa mi decisi a leggerlo, non so dirti perchè, ma mi deluse profondamente. Ho preferito di gran lunga le trasposizioni cinematografiche al libro, non chiedermi per quale motivo. Sarà perchè è stata scritta per essere recitata, non so. Però il libro in sè non mi è piaciuto purtroppo. E mi intristisce dirlo, perchè io amo Shakespeare! E adoro anche il film "Shakespeare in love" ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...per curiosità ^_^
      preferisci il film diretto da Zeffirelli (del 1968) o la versione postmoderna "Romeo + Giulietta" (del 1996)?

      Elimina
    2. Non ho visto Romeo+Giulietta ma sono certa di preferire quello di Zeffirelli =) Comunque passa da me, ti ho taggato in un giochino! Ecco qui il link http://miopaesedellemeraviglie.blogspot.it/2012/10/meme-mitologia.html

      Elimina
    3. Anche io preferisco quello di Zeffirelli!
      Davvero bello il meme mitologia, lo farò ^_^

      Elimina
  2. Io naturalmente conosco la storia, le varie trasposizioni cinematografiche ma non ho avuto modo di leggere la creazione direttamente dalla penna Shakespeare. E' una cosa a cui, volente o nolente, rimedierò molto presto: a gennaio comincerò il corso di letteratura inglese all'università e Shakespeare è, ovviamente, uno dei più cardine. Dunque ti saprò dire più avanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene!!! Allora, se ti farà piacere, torna a raccontarmi la tua opinione ^_^

      Elimina
  3. @Mirial: Tutte le opinioni sono da rispettare :-D e anche quelle negative le trovo sempre interessanti.
    Sicuramente il fatto che si tratti di un testo teatrale e non di un romanzo, non aiuta tanto il lettore nell'immedesimazione... credo che per apprezzarlo pienamente si debba leggere questa tragedia con uno spirito un pò diverso dal solito... non so come dire, immaginado la scena forse!
    Anche a me "Shakespeare in love" piace tantissimo :-)

    RispondiElimina
  4. mi piace moltissimo il nome che hai scelto per il tuo blog. Spero che non ci si perda di vista. Ho una proposta per te. Ti aspetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefania! Vengo a trovarti allora ^_^

      Elimina
  5. Non ho mai visto nessuna trasposizione cinematografica di "Romeo e Giulietta", né l'ho visto a teatro. Però la tragedia l'ho letta :) Preferisco di gran lunga le tragedie alle commedie. Prima di leggerlo avevo solo un'idea a grandi linee della storia, ad esempio non sapevo che Romeo fosse inizialmente innamorato di Rosalina. In ogni caso questa tragedia non mi ha colpito particolarmente, forse perché avevo già letto "Amleto" e "Macbeth", che ho adorato. E tra le due scelgo "Macbeth", bellissima! :) Tu hai letto altre opere si Shakespeare? Preferisci le commedie o le tragedie? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm...commedie o tragedie? Domanda interessante! Sai che non ci ho mai pensato? Credo di preferire anche io le tragedie comunque, mi sembrano più intense.
      Di Shakespeare ho letto anche una parte di "Otello", ma non mi ha entusiasmata molto, e "Sogno di una notte di mezza estate" che invece ho adorato... ho un debole per fate e folletti ;-)
      "Amleto" e "Macbeth" sono molto curiosa di leggerle... quindi me le consigli?

      Elimina
    2. L'"Otello" mi manca, mentre "Sogno di una notte di mezza estate" non mi è piaciuto per niente :( Non l'ho letta, ma l'ho vista rappresentata a teatro.
      Io te le consiglio ;)

      Elimina
  6. Romeo e Giulietta è un'opera teatrale e come tale va presa, io personalmente l'ho a-do-ra-ta, così come quasi tutti le commedie/tragedie di Shakespeare. E il film di Zeffirelli è un capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te!
      Anche secondo me il film di Zeffirelli è bellissimo, assolutamente fedele all'opera.

      Elimina

 

blogger templates | Make Money Online