giovedì 7 giugno 2012

MiniRecensioni [2]


Benvenuti cari lettori al secondo appuntamento con le MiniRecensioni della Locanda dei Libri!
Ecco cosa ho preprato per oggi...



Titolo: La Camera d'Ambra
Autrice: Matilde Asensi
Editore: Rizzoli
Anno di pubblicazione: 2010
Pagine: 196
Genere: Thriller
Prezzo di copertina: €8.90

TRAMA

Sono sei, e sono i migliori esperti d'arte in circolazione. Si fanno chiamare il Gruppo degli Scacchi e di professione falsificano e rubano opere dì immenso valore per rivenderle al miglior offerente. Ci sono la Torre, l'Alfiere, la Donna e il Cavallo, e ognuno ha un ruolo diverso, proprio come le pedine del gioco; e poi c'è il Pedone, alias Ana Maria, ladra infallibile e proprietaria di un negozio d'antiquariato ad Avila. E tutti rispondono a un grande e misterioso capo, il Re, imperscrutabile fondatore del Gruppo. 
Questa volta, gli Scacchi hanno messo a segno un favoloso colpo in un castello sul lago di Costanza. Ma ben presto si accorgono che sotto il quadro rubato si nasconde un'altra tela: raffigura il profeta Geremia e reca inciso un messaggio in codice... 
Comincia così un'avventura che porterà i sei sulle tracce di uno dei più famosi tesori che la storia ricordi: la preziosissima Camera d'Ambra, gioiello architettonico costruito con la luminosa resina del Baltico, vista per l'ultima volta nel 1944 nel castello di Konigsberg. L'ottava meraviglia del mondo, come qualcuno l'ha definita. Gli Scacchi si lanciano alla sua ricerca, per scoprire, però, che non sono i soli a cercarla. In una travolgente girandola di inganni e false rivelazioni, sarà Ana Maria ad arrivare più vicina alla verità, trovando la chiave di quell'enigma splendido e, quasi per caso, anche quella del proprio cuore. 


 MINIRECENSIONE!

Matilde Asensi è una scrittrice spagnola che si è rivelata al mondo grazie al suo romanzo “L’ultimo Catone”, che ha riscosso un buon successo.
“La Camera d’Ambra” è stato però il suo romanzo d’esordio.
La trama è originale e, anche se all’inizio ho fatto un po’ fatica ad ingranare, poi ho divorato una pagina dopo l'altra!
In questo romanzo ci sono già tutte le sfaccettature di avventura, storia, archeologia e mitologia che caratterizzano le opere letterarie di Asensi.
Un po’ di amarezza mi è rimasta però, nel momento in cui finalmente viene scoperta la leggendaria Camera d’Ambra, perché l’autrice non le rende abbastanza giustizia, scrivendone una frettolosa descrizione. Qualche dettaglio in più non sarebbe guastato.
Quante cose avrebbe potuto dire su questo immenso tesoro degli zar! Una stanza enorme, rivestita dal pavimento al soffitto da pannelli di preziosa ambra del Mar Baltico, un capolavoro dell’arte barocca!
Pare che quando le candele venivano accese l’effetto fosse prodigioso: sembrava di essere immersi nell’oro!
Durante la seconda Guerra Mondiale i pannelli furono smontati pezzo per pezzo dai nazisti ed imballati dentro a delle casse, portate nel castello di  Konigsberg. Nel ’45 le sorti della guerra cambiarono e delle casse non si seppe più nulla….da allora la storia della Camera d’Ambra si fa leggenda…del tesoro degli zar si è persa ogni traccia.
Nel complesso, anche se ancora un po’ acerbo, è un buon romanzo d’esordio, l'ho apprezzato molto!
Scusatemi se questa minirecensione non è poi così “mini”! 
La mia passione per l’arte mi ha fatto dilungare sulla storia della Camera d’Ambra ^_^  

3 commenti:

  1. mi hai messo una curiosità lo metto nella mia wish list personale
    grazie per la segnalazione

    RispondiElimina

 

blogger templates | Make Money Online